comments 2

The frazzled Feet of the Ballet Dancers_I piedi esausti delle ballerine

Flea Market in Lucca, Tuscany

Flea Market in Lucca, Tuscany

In the last weekend Lorenzo, Noah and I treated ourselves to an exquisite (or, as Noah loves to say, exquicious) break in Tuscany, in Lucca, to attend an exhibition in the open of always very very pleasant Norah Jones. I particularly enjoy her music and atmosphere, so Lorenzo was so lovable to take me by surprise with an unexpected trip. Till a few hours before our moving I had no idea where we would go! The joy was double since just in those days there was the city monthly flea market.

Nel weekend Lorenzo, Noah ed io ci siamo regalati una squisita (o come ama dire Noah, squiliziosa) fuga in Toscana, a Lucca, per assistere al concerto in piazza della sempre gradevolissima Norah Jones. Amo particolarmente l’atmosfera della sua musica, per questo Lorenzo è stato così dolce da sorprendermi con un viaggio inatteso, fino a poche ore prima della partenza non avevo idea di dove ci saremmo recati! La gioia si è rivelata duplice, poiché proprio in quei giorni si teneva l’appuntamento mensile col pregevole mercato antiquario di Lucca. 

Night Pants longing for Sunlight

Night Pants longing for Sunlight

Just a few hours after being back home, the little treasures of linen and cotton found among the stalls were already scoured, dried and ready for the first mordanting in ash water. I observed them as the light straggled beyond the houses, and thought of the tired feet of the ballet dancers just a little on in years. They consume in a hurry. The show is ferocious, it swallows and regurgitates in a beat. Few are the bites able to be assimilated slowly with time. I wondered at what price…

A pochissime ore di distanza dal rientro a casa, i piccoli tesori in lino e cotone trovati tra i banchi erano già sgrassati, asciugati, e pronti per la prima mordenzatura in acqua di cenere. Li ho osservati mentre la luce si disperdeva oltre le case, e pensato ai piedi stanchi delle ballerine appena un po’ in là con gli anni. Si consumano in fretta. Lo spettacolo è feroce, divora e rigurgita in un battito di ciglia. Sono pochi i bocconi che riescono a farsi assimilare piano nel tempo. Mi sono chiesta a che prezzo…

Caring for the frazzled Feet of the Dancers

Caring for the frazzled Feet of the Dancers

Getting off from home I had left some silk threads in a little game of colours. Modifying the ph is just as shifting someone into new scenes, and watching his face to change as a consequence. Understanding that we project many different images, as the conditions, even if little, change.

Partendo avevo lasciato dei fili di seta in un piccolo gioco di colore. Modificare il ph è un po’ come far scivolare qualcuno dentro nuovi ambienti, ed osservare il suo volto cambiare di riflesso. Comprendere che proiettiamo molte diverse immagini, al variare di pur piccole condizioni.

Spots of colour

Spots of colour

Was waiting for me at home also a silk scarf, still wrapped around iron springs. I came back thinking of the ballet dancers. Of their tired feet. Imagining that they could long for new roles. New images to project…

Era rimasta ad attendermi a casa anche una sciarpina in seta, ancora avvolta attorno alle molle di ferro. Sono tornata a pensare alle ballerine. Ai loro piedi stanchi. Immaginando che possano desiderare nuovi ruoli. Nuove immagini da proiettare…

Aged Dancers move on the Scarf

Aged Dancers move on the Scarf

…because the show is ferocious, it swallows and regurgitates in a beat…

… perché lo spettacolo è feroce, divora e rigurgita in un battito di ciglia…

Yearnings of new Performances
Yearnings of new Performances

2 Comments

  1. ciao Sheila, carissima. che bello quello che hai scritto. Godiiti quest’estate bellissmo. Eravate così vicini da casa nostra ma se si parte in famiglia non si può andare anche di qua e di là. Sarà per un altra volta!!! un abbraccio marisa

    Like

    • All’altezza di Montecatini non ho fatto che guardare verso le alte colline pensando a quanto mi sarebbe piaciuto tornare a Pontito e venire da te per una veloce visita, ma siamo stati in zona appena 24 ore! Di nuovo è capitato che il piccolo Yonah si ammalasse il giorno prima della nostra partenza, un virus di febbre e problemi di stomaco, così il sabato abbiamo ritardato l’arrivo in Toscana per assicurarci che tutto fosse sotto controllo e i nonni non si ritrovassero con troppe responsabilità. Ma avremo senz’altro presto nuove occasioni… ovviamente di gran corsa!😉

      Like

Drop a seed_Lascia cadere un seme

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s